Il nemico n.1 della creatività? La paura di sbagliare

Scritto da Fabrizio    Il giorno 21 novembre 2012    in:
Paura di sbagliare

“Per vivere una vita creativa dobbiamo perdere la paura di sbagliare.”

(Joseph Chilton Pearce)

Il concetto potrebbe essere riassunto in questa unica (e breve) frase. Sarebbe facile risolvere la questione in questo modo, ma sarebbe anche sbagliato non approfondirne il significato.

Il primo nemico della creatività è la paura di sbagliare

Perché?

La verità è tutta nel concetto di sbaglio. Sin da piccolo ci hanno insegnato che l’errore è qualcosa di negativo, una trappola nella quale è bene non cadere. A scuola l’insegnante ci ammoniva a ogni sbaglio, a casa i genitori ci rimproveravano per gli errori commessi e scommetto che anche a lavoro si è ripetuto lo stesso copione.

Sì, sbagliare è umano, ma tutti hanno pensato bene di farti pesare quell’errore. Ma c’è un buon motivo che deve farti pensare che sbagliare è bello: la lezione che potresti imparare.

L’errore aiuta!

Gli errori aiutano a imparare la lezione, è proprio così.

È solo attraverso i tentativi che si arriva alla giusta soluzione e non tutti i tentativi sono quelli giusti. Sbagliare aiuta ad aprire la mente, a trovare nuove vie e ad abbandonare la tanto comoda strada dritta.

Il sentiero percorso è quello snodato della creatività: ci vuole ingegno, fantasia e creatività per trovare la soluzione giusta! La tua ansia di sbagliare non ti permette di cogliere la bellezza dell’intuizione giusta: pensa a un qualsiasi ostacolo lungo una strada. Cosa fai per superarlo? torni indietro? ti fermi? No. Cambi strada, ne cerchi una diversa, magari leggermente in salita, ma comunque in grado di portarti dove stai andando.

I tuoi errori sono esattamente come quell’ostacolo: devono aiutarti a cambiare approccio e a inventare qualcosa di creativo per superarli. Senza quell’intoppo tu non potresti mai conoscere le strade alternative, quindi non aver paura, anzi, apprezza ogni errore come fosse un momento di grande lezione umana e professionale.

Sbagliare fa bene, anche al leader

La cultura della società ti ha insegnato che il leader è quello che non sbaglia mai. Ne sei sicuro?

Certo, sicuramente ha capacità ed esperienza che gli permettono di avere una solida base da cui partire, ma l’errore (ricorda) è umano, esattamente come il leader.

Tutti sbagliano. Se un tuo superiore ti fa notare un errore, non prendertela più di tanto: è una lezione preziosa che può aiutare la tua creatività. Anzi, non solo aiutarla, ma anche aumentarla.

Come affrontare la paura di sbagliare?

Sbagliare fa bene alla propria creatività, ma come si affronta questa paura?

I veri creativi non si tirano mai indietro davanti a un errore. Oltre ad accettarlo bisogna riuscire anche a farlo proprio.

Inoltre, non è detto che il giudizio altrui sia sempre azzeccato, a volte qualcuno può vedere un errore lì dove esiste un’idea innovativa. L’originalità e la creatività non sempre vengono capite. Se pensi ci sia bisogno di tempo per far apprezzare un tuo lavoro, ad esempio, prenditi questo tempo per far rivalutare ciò che hai creato. Se invece l’errore c’è, non demoralizzarti: ammetti lo sbaglio, assicurati che ti servirà da lezione e torna sui tuoi passi.

Pensa, immagina, inventa. Stimola la tua creatività e, se necessario, sbaglia ancora! Sono nati dei veri capolavori a causa degli errori.

Se la paura di sbagliare è così forte da farti rinunciare al tuo scopo, fermati prima di sbagliare davvero: non rinunciare mai al tuo sogno, sarebbe questo il vero fallimento. Ci vuole coraggio anche a non aver paura, quindi inizia da subito: dimenticati gli anni in cui a scuola ti puntavano il dito contro per un errore e inizia a pensare a te stesso e al tuo cammino. Ogni errore commesso sarà solo una piccola ma necessaria deviazione verso la meta.

Trovato utile questo articolo?

Condividilo su: linkedin, facebook, twitter o altri canali social. Condividere è un modo per crescere.

Articoli correlati

Potrebbe interessarti anche...
Rimani aggiornato con la newsletter: