Stretta di mano: quali evitare

Scritto da Fabrizio    Il giorno 12 dicembre 2012    in:
stretta di mano da evitare

Proseguiamo con la seconda puntata sulla stretta di mano.

L’abbiamo capito, una stretta di mano dice di noi molto più che cento parole, per questo è bene scoprire quali siano quelle da evitare, capaci di regalare una cattiva impressione iniziale che poi sarà difficile cancellare o far dimenticare.

Specie quando siamo davanti ad un reclutatore, nel bel mezzo di un colloquio di lavoro, o quando ci troviamo faccia a faccia con un cliente, a regalare fiducia nella nostra persona non ci pensa solo il nostro modo di fare, il nostro abbigliamento, il nostro profumo o il nostro sorriso: seppure inconsciamente la stretta di mani può trasformarsi in una carta vincente capace di dare una svolta in positivo all’incontro.

Vediamo dunque quali strette di mano sono da evitare come la peste.

Stretta di mano pesce morto

In prima posizione fra le strette di mano da evitare c’è proprio la stretta di mano a pesce morto: è debole, è sfuggente e il più delle volte è fredda e umidiccia; niente di più spiacevole. Questa stretta di mano trasmette freddezza e sfiducia ed è tipica di chi è distante e non coinvolto.

La stretta di mano olandese

Si tratta di una stretta di mano imparentata con quella a mo di pesce morto anche se la mano, nel caso in questione, è leggermente più rigida e meno umida. Manco a dirlo nemmeno questo genere di stretta di mano regala di sé una grossa impressione.

La stretta di mano a morsa

Si tratta di una stretta di mano dominante: normalmente il polso viene leggermente ruotato tanto da spingere l’altro con il palmo rivolto verso il basso. Normalmente è una stretta di mano vigorosa accompagnata da qualche pacca sulla spalla. Chi la concede ha l’intenzione più o meno esplicita di assumere fin da subito una posizione di controllo.

Per affrontare la situazione e porsi in uno status di parità è consigliabile restituire la medesima stretta di mano.

La stretta di mano spezza ossa

Forse è una di quelle meno apprezzate, che lascia di sé uno spiacevolissimo ricordo: è aggressiva e dolorosa, spesso accompagnata da un ampio sorriso, chiaramente poco sincero. Ricordate che un conto è una stretta energica e un conto è una stretta in grado di ovalizzare gli anelli dell’interlocutore.

La stretta di mano del sensale

Chi è il sensale? È colui che un tempo si occupava di mediazioni nel mondo dell’agricoltura e dell’allevamento del bestiame.

Ognuno di noi ne è stato vittima almeno una volta: la mano viene afferrata con vigore, tirata dall’interlocutore e mossa ritmicamente in alto e in basso per diverse volte. Appena si comprende d’essere vittima di una stretta di mano del genere, il primo pensiero è quello di liberarsene. Leggende metropolitane raccontano di strette di mano sensali infinite.

La stretta di mano a distanza

E’ caratterizzata da una insolita rigidità del braccio ed è propria delle persone aggressive che vogliono tenere a debita distanza l’interlocutore. Si tratta di una stretta di mano poco usuale e socievole, ma meno fastidiosa di altre.

La stretta di mano parziale

Anche in questo caso la sensazione non è piacevole: l’interlocutore ci concede solo la punta delle dita e l’obbiettivo è quello di tenere una certa distanza con la persona che si ha davanti.

La stretta di mano a calamita

A caratterizzare questa stretta di mano è il tentativo di trascinare verso di sé braccio e interlocutore, portandolo nel proprio “spazio” dove ci si sente più sicuri. Ad utilizzare questo genere di stretta di mano delle volte sono anche gli stranieri che conoscono distanze personali meno ampie: in ogni caso con questo genere di presa si tenta di imporre le proprie regole comportamentali.

La stretta di mano giusta

Detto questo è bene ricordare che la stretta di mano giusta esiste, e offrirla è più semplice di quel che si possa pensare: si tratta della presa decisa e rapida, che denota sicurezza, socievolezza e curiosità. E’ però importante che questa non diventi troppo forte e lunga: in questo caso sarebbe sintomo di aggressività o peggio di esibizionismo.

Nel prossimo articolo…

…andremo a scoprire cosa dice di noi una stretta di mano. Rimani in contatto per scoprire come presentarsi nel modo giusto.

Trovato utile questo articolo?

Condividilo su: linkedin, facebook, twitter o altri canali social. Condividere è un modo per crescere.

Articoli correlati

Potrebbe interessarti anche...
Rimani aggiornato con la newsletter: